IL PROGETTO EDUCATIVO

I BAMBINI

“. ….Ma se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno l’uno dell’altro.
Tu sarai per me unico al mondo, e io saro’ per te unica al mondo”.

(Saint. Exupery)

LE FAMIGLIE

Ogni genitore conosce e desidera il bene per il proprio bambino.

Le educatrici accolgono e ascoltano le famiglie : è nel dialogo e nella collaborazione che si costruisce l’alleanza educativa.

L'EDUCATORE

È solo avendo accanto un adulto che con i gesti e le parole ci comunica che il mondo è bello
che il bambino costruisceun’avventura amorosa con il mondo e lo può conoscere.

DALL'ORTO ALLA TAVOLA

Dai progetti di semina e coltivazione di ortaggi nell’orto e fiori nel giardino, alla osservazione e manipolazione, per giungere alla cucina interna che con i suoi profumi, la cura nelle preparazioni del cibo, il rapporto diretto con i cuochi, favorisce la buona alimentazione sin da piccoli.

IL GIARDINO

Spazi erbosi, nascondigli, alberi, siepi, labirinti naturali, piante odorose, fiori, foglie, terra, acqua, ...piste, altalene, sali\scendi, buche: è uno spazio per misurarsi con nuove imprese, esplorare, conoscere, sentire, scoprire, osservare, rilassarsi, ascoltare, avventurarsi, fare-disfare, risolvere problemi, nascondersi in posti segreti. La dimensione suggestiva e “segreta” del nostro giardino è dovuta alla sua vegetazione sia quella spontanea che quella coltivata.

IL TEMPO E LO SPAZIO

TEMPO lento che segue i ritmi della vita del bambino
TEMPO flessibile che rincorre il nostro fare
TEMPO vuoto per stare ad occhi chiusi
TEMPO stanco per riposare e guardare
TEMPO morbido per fare coccole
TEMPO dolce per gli amici
TEMPO nuovo che ci riempie di stupore.


SPAZIO costruito per sostenere, per mettere in movimento la vita: la musica, il silenzio, il pianto, gli abbracci, il gioco, i passi rallentati, i chiacchiericci...
SPAZIO semplice, intimo, aperto, trasparente, evocatore di interessi, costruito per le persone che vi abitano.


Le SEZIONI nella particolare progettazione vogliono esprimere la “morbidezza”,la rotondità delle forme è come un abbraccio che permane nella giornata sini al ricongiungimento con papà e mamma. Questo tenero abbraccio conterrà spazi “tenuti nella mente” e “pensati” dagli educatori.

Particolarmente curate, tali da favorire legami di familiarità in un particolare gruppo di bambini e le relazioni individuali tra bambini e adulti, le sezioni sono il luogo di riferimento significativo in cui si ripetono i rituali della giornata educativa, dove si ritrovano tracce della propria esperienza, sono il luogo dei linguaggi e dei silenzi, l’inizio della scoperta che l’io compie: strada per conoscere la realtà.

L'AMBIENTAMENTO

L’ambientamento del bambino al nido, la separazione da mamma e papà e il cambiamento di abitudini sono l’inizio di un percorso di crescita e rappresentano un momento delicato e fragile che dà la consapevolezza al bambino di non essere più un tutt’uno con la mamma. Durante il periodo di ambientamento anche l’adulto, presente in sezione nei primi giorni, ha la possibilità di elaborare l’immagine del nido e aiutare il proprio bambino a vivere in un clima di fiducia. dei linguaggi e dei silenzi, l’inizio della scoperta che l’io compie: strada per conoscere la realtà.

CORRESPONSABILITA' EDUCATIVA

Il rapporto con i genitori acquista un particolare significato ed una decisiva importanza in un Nido aziendale. Da una parte è evidente l’atto di fiducia che padre e madre compiono nell’affidare il figlio - ciò che hanno di più caro - a persone inizialmente estranee; dall’altra parte la stessa funzione genitoriale spesso chiede agli adulti del Nido un confronto e un sostegno educativo. Lo scopo prioritario delle proposte dell’adulto è quello di stabilire un rapporto significativo che aiuti i bambini offrendo occasioni di identificazione . Ritrovare padre e madre dopo la perdita momentanea consente ai bambini di aprirsi verso il nuovo e sperimentare che anche il “fuori dalla casa” è buono e bello.

CRESCERE EDUCARE APPRENDERE

  • Essenziale per crescere è fare un incontro felice con la realtà; compito del nido è creare le condizioni perchè sia possibile tale incontro appassionante.

  • Gli educatori e i compagni di questo “viaggio” in un contesto educativo progettato, pensato e costruito insieme sono la possibilità di crescere e apprendere.

  • Attraverso le routine e l’approccio ludico il bambino apprende la vita, acquista sicurezza, scopre la propria identità, conquista le autonomie e competenze.

  • Sito www.scuolacarovana.it

PROPOSTE EDUCATIVE SPECIALI

MUSICA

MANIPOLAZIONE

ESPLORAZIONE

PSICOMOTRICITA'

OUTDOOR